Scanner per assegni, il nuovo step per la digitalizzazione dei pagamenti


Scanner per assegni, il nuovo step per la digitalizzazione dei pagamenti

Nel mondo SSG è arrivata una grande e innovativa tecnologia, decisiva come ulteriore processo di digitalizzazione: quella portata dallo scanner per assegni, essenziale perché s’inquadra nel panorama appunto della digitalizzazione dei pagamenti. 

Prima di tutto, però, come funziona? 

Che cos’è lo scanner per assegni di SSG

Una volta che l’assegno viene inserito nello scanner, questo – grazie a un apposito software – rileva tutti gli elementi presenti nell’assegno stesso: ABI, CAB, conto corrente, importo e così via. In questo modo, da un processo manuale si passa alla rilevazione dei dati in digitale. Tali dati vengono poi inviati a un sistema interno o a un software di pagamento che manda all’incasso l’assegno. 

Il vantaggio è evidente: anziché fare come si è proceduto finora – prendere l’assegno e ricopiare manualmente ogni dato – questa tecnologia consente di rilevare al volo tutti i dati di un assegno. Ciò abbatte radicalmente anche le possibilità di errore nel processo di copiatura dei dati stessi. 

In più, questo scanner consente di prendere il documento di identità, metterlo all’interno e scansionarlo; appositi software rilevano poi i dati anagrafici del cliente. Tutto ciò porta, naturalmente, a una semplificazione ed è un principio di digitalizzazione importante nel settore bancario.

Digitalizzazione dei pagamenti: un percorso non facile, ma ora con una carta vincente in più

Va detto infatti che in Italia il processo di digitalizzazione non è ancora del tutto compiuto: l’assegno deve rimanere in archivio per il tempo necessario. Questa innovativa tecnologia può rappresentare però un primo, importante tassello per la digitalizzazione completa del mondo degli assegni, semplificando di molto la vita degli operatori allo sportello e di tutti coloro che operano nel settore bancario. Un grosso gruppo bancario ha acquistato da noi circa 6mila pezzi di questa tecnologia, proprio perché il mercato degli assegni in Italia è il secondo più importante in Europa.

Questa tecnologia, inoltre, non solo procede alla scansione degli assegni, ma anche a quella documentale. Si tratta dunque di un ulteriore strumento che SCAI Solution Group offre ai propri clienti bancari a supporto dell’abbattimento del cartaceo. Non dimentichiamo che queste tipologie di scanner prevedono un formato A4 e hanno la possibilità di scansionare ben 40 fogli al minuto: per questo si tratta di strumenti che, fin quando le operazioni di digitalizzazione non saranno del tutto compiute, sono decisamente necessari. 

Il carattere innovativo dello scanner per assegni SSG

Questa tecnologia rappresenta come detto una evoluzione davvero innovativa nel settore. I primi scanner rilevavano la cosiddetta punzonatura col rischio che, in caso di mal inserimento dell’assegno, si rischiava di vederlo ridotto in coriandoli.

Qui siamo di fronte a un qualcosa di ben diverso: lo scanner è in grado di acquisire tutti i dati dell’assegno, scansionando come già detto fino a 50 fogli al minuto: una velocità che parla da sola. 

Contattaci per avere maggiori informazioni e assicurarti anche tu questa innovativa tecnologia!

Write a Comment