SSG 3D PrintLab – La nuova sfida di SSG


SSG 3D PrintLab – La nuova sfida di SSG

SSG conferma l’impostazione innovativa affrontando una nuova sfida nel mondo della stampa 3D con super polimeri ad alte prestazioni.

Ce ne parla in un’intervista Daniele Rossi, Presidente e CEO di SSG.

Buongiorno Presidente, può spiegarci come nasce il progetto SSG 3D PrintLab e qual è il suo scopo?

«La mission di SSG è sempre stata quella di creare soluzioni innovative a valore aggiunto. La nostra volontà di rispondere alle esigenze dei clienti con soluzioni abilitanti e fruibili ci ha spinto sempre a ricercare soluzioni e tecnologie che fossero in sintonia con i trend del mercato. 

La creazione di “Lines of Business” dedicate a specifici settori di industria ci ha permesso di divenire specialisti di prodotto e profondi conoscitori delle reali necessità dei nostri clienti e prospect.

Il nostro modello di business è tarato per rispondere alle esigenze dei clienti e in totale sincronia con la strategia di SSG. 

La creazione di centri stampa 3D nasce dall’esigenza di alcune aziende che intendono innovare e snellire i propriprocessi produttivi, riducendo fortemente tempi e costi di produzione di parti originali e di spare parts».

Lo slogan del progetto è «Print strong like Metal». Cosa si intende esattamente?

«Premetto di non essere un tecnico e quindi non entrerò volutamente negli aspetti più tecnici della soluzione, ma posso affermare che la tecnologia che abbiamo scelto per rispondere al mercato utilizza materiali molto resistenti sfruttando polimeri speciali ad alta viscosità come il Carbon PEEK, il PEEK e altri polimeri resistenti come il metallo».

Può citarci alcuni tra i principali settori di applicazione dove già state operando con successo?

«Certamente ci sono settori d’industria più ricettivi per la stampa 3D a polimeri speciali, ne citerò alcuni più significativi ma in realtà la stampa 3D può essere applicata sostanzialmente in ambiti laddove serva costruire o ricostruire parti di ricambio di varia natura, utilizzo e resistenza.

I settori dell’automotive, dell’aerospace, del construction, del retail e after market sono tra i principali interessati a questa tecnologia, sia per la prototipazione che per la produzione massiva di parti essenziali.

Il nostro modello di business e produttivo prevede appunto la possibilità di creare modelli e prototipi, ma soprattutto di produrre quantitativi elevati di pezzi speciali di piccole e grandi dimensioni, anche con servizi di “Print on Demand” che permettano di ridurre drasticamente i numeri e i costi dello stock».

Write a Comment